0
Shares
Pinterest Google+

L’Arcivescovo emerito è scomparso a 83 anni a Villa Sacro Cuore di Triuggio, dove risiedeva da quando aveva lasciato il governo pastorale della Diocesi. Il dolore del cardinale Scola, di mons. Delpini e di tutta la comunità ambrosiana

La Chiesa ambrosiana è in lutto per la scomparsa del suo Arcivescovo emerito, il cardinale Dionigi Tettamanzi, morto questa mattina, sabato 5 agosto, a 83 anni a Villa Sacro Cuore di Triuggio, dove risiedeva da quando, nel 2011, aveva lasciato il governo pastorale della Diocesi di Milano.

“Lo ricorderemo durante la s. Messa alla Grotta di Lourdes, martedì prossimo, al mattino, in concomitanza con le esequie in Duomo a Milano – ci dice Vittore De Carli, Presidente della Sezione lombarda dell’Unitalsi – Infatti più di seicento lombardi nei prossimi giorni saranno in pellegrinaggio a Lourdes ed avranno così la possibilità di ricordare il Cardinal Tettamanzi in un luogo a lui particolarmente caro e durante l’esperienza del pellegrinaggio, più volte vissuta dal Sua Eminenza insieme all’Unitalsi. Lo ricordiamo in particolare nostro ospite al Salus, la residenza unitalsiana a Lourdes che ospita i pellegrini che presentano varie difficoltà ed hanno necessità di aiuto e sostegno da parte del nostro personale. Molte volte ha visitato le persone ammalate e disabili presenti in pellegrinaggio, come pure è stato sempre sollecito ed attento ad ogni nostra iniziativa locale durante l’anno; in particolare voglio ricordare la sua disponibilità ed affabilità verso la Compagnia dei Colori, giovani unitalsiani che animano molti nostri momenti di amicizia e di compagnia con persone disabili o anziane.” Alle parole del Presidente dell’Unitalsi lombarda si associano quelle dell’Assistente regionale, Mons. Roberto Busti, che collaborò con il Card. Tettamanzi fino alla sua ordinazione episcopale come vescovo della diocesi di Mantova. Tutta la Sezione lombarda prega per questo caro amico tornato alla Casa del Padre e lo ricorda con affetto come pastore attento a tutti, specialmente ai più deboli, cordiale buono.